Cinque buoni motivi per seguire i blog delle Mamme 2.0

Buongiorno mamme e buon lunedi!
Se state leggendo questo post appartenete senz'altro al gruppo di donne, mamme o aspiranti tali, che amano viaggiare nel web per cercare consigli, idee e solidarietà riguardo al vasto e complicato mondo della maternità.
E lo scopo di questo articolo è proprio quello di incoraggiarvi a continuare, perchè ci sono tanti buoni motivi per leggere e seguire i blog delle Mamme 2.0:

1)  Ti aiuta a scoprire  che essere una casalinga imperfetta non ti rende un caso patologico unico e raro al mondo perchè non sei l'unica ad accumulare Tanta polvere da sfamare un intero villaggio ma c'è anche Elisa che, esattamente come te, deve sopravvivere quotidianamente al caos domestico e all'accumulo di oggetti di varia natura (indumenti, giocattoli, stoviglie e molto altro) in punti imprecisati della propria casa;

2) Ti rendi conto che la tua incapacità di avere sempre a disposizione biancheria linda, profumata e stirata, non dipende da una tua difficoltà congenita a stare dietro ai panni sporchi perchè magari c'è Barbara  (Mammafelice) che, come te, deve segnarsi "un promemoria  sul Calendar di Google" per ricordarsi di caricare (o svuotare!) la lavatrice;

3) Ti consoli di non essere l'unica mamma a lottare con influenze, virus e batteri che impediscono al tuo bambino di essere un alunno perfetto e sempre presente a scuola perchè leggi che Chiaraluce Littledreamer  (lecosenonvannocomecredi) indica come primo giorno di scuola del suo bambino il 29 febbraio;

4) Eviti una crisi isterica causata da litigi più o meno violenti tra i tuoi pargoli, se ti affidi a Barbara (straordinariamentenormale) e ai suoi "suggerimenti semi-seri" per sopravvivere a scene di guerra fratricida;

5) Ti accorgi di non essere l'unica a scrivere un articolo con tua figlia che ti ciondola sulla testa o tenta di usare il tuo telefono o il tuo computer in maniera molto creativa e poco funzionale.  Leggi infatti che anche  Manuela (genitoriprecari) deve lottare con un bimbo che ha gli stessi gusti tecnologici e sorridi al pensiero che anche lei preferisce chiamare in soccorso un'amica piuttosto che una tata "professionale".

Questi, care mamme, sono solo alcuni dei motivi che rendono il confronto virtuale tra le mamme una fonte di sopravvivenza quotidiana. Sono sicura che ne esistono tantissimi altri perchè nessuno può comprendere e sostenere la maternità meglio di come possa farlo una mamma!

Commenti

  1. e se sei una mamma studentessa e non ti riesce studiare scopri che c'è anche Mamma Cì (mammastudia.blogspot.com) che tra pannolini, macchinine e fornelli non riesce proprio a concentrarsi!!! :)

    RispondiElimina
  2. 6) perchè scopri delle donne che hanno saputo rendere il loro ruolo di madri ancora più speciale riuscendo a "reinventarsi", che riescono ad accudire virtualmente le altre donne-mamme con la condivisione della loro esperienza, a far sorridere anche chi non lo è (magari anche gli uomini), a ironizzare su una questione tanto delicata quale la maternità senza mai tradire il loro ruolo... anzi arricchendolo!

    RispondiElimina
  3. Perchè ti riconosci simile o diversa da una di loro facendo tanta autonalisi! insomma, ogni post può trasformarsi in una seduta di psicanalisi a costo zero!!! :D :D

    Enza

    RispondiElimina
  4. è verissimo!!!aspetto gli altri 5 ;)

    RispondiElimina
  5. Ciao Elisa,
    sei fortissima, mi diverto tantissimo a leggerti, complimenti!
    Francesca

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari